25 maggio 2021 redazione
editoriale 3/2021

IL NEMICO È IN CASA NOSTRA
Una serie di fattori conferma l'avanzamento del processo di fascistizzazione dello Stato

A fine mandato il presidente si toglie i sassolini dalle scarpe e butta giù la maschera del finto democratico. L'occasione è stata il giorno dedicato alle vittime del terrorismo - dal 2008 giorno memoria vittime del terrorismo - dove, al grido di "La completa verità sugli anni di piombo è un'esigenza fondamentale per la Repubblica" - il capo dello Stato Sergio Mattarella ha rilasciato dichiarazioni e un'intervista a "La Repubblica".

La decisione di Macron, dopo aver parlato con Draghi, puntualmente ringraziato da Mattarella, ha ripuntato i riflettori sull'attività dei brigatisti, fatti emergere dalla loro vita francese alla vigilia della prescrizione dei reati per i quali erano stati condannati. Iniziativa di propaganda giunta al momento giusto per distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dai veri problemi quotidiani e per nascondere che gli Stati capitalisti non fermano gli atti dei veri gruppi terroristici che la borghesia stessa costruisce per opportunità politica, per affermare il proprio dominio.

Mattarella consegna a Repubblica un esame dei terroristi rossi contro la Repubblica italiana, descrive quanto avvenne dall'inizio degli anni Settanta, quando "coloro che predicavano la morte...".
"Sono stati anni molto sofferti, in cui la tenuta istituzionale e sociale del nostro Paese, è stata messa a dura prova. Oltre quattrocento le vittime in Italia, di cui circa centosessanta per stragi. Cittadini inermi colpiti con violenza cieca, oltre cento gli uomini in divisa che hanno pagato con la morte la fedeltà alla Repubblica". E dice: "Il bersaglio era la giovane democrazia parlamentare, nata con la Costituzione repubblicana, per approdare a una dittatura, privando gli italiani delle libertà conquistate nella lotta di Liberazione". Il Capo dello stato sostiene: "Al di là delle storie personali di chi aderì alla lotta armata, c'era la contestazione radicale della democrazia parlamentare, così com'era stata delineata dai padri Costituenti e, a ben vedere, anche la mancata accettazione della volontà degli elettori in favore di forze centriste, atlantiche, riformatrici, di segno moderato. Un esercizio di democrazia che veniva definito regime".
Bontà sua ha dichiarato che "C'era in Italia anche chi, legittimamente, si sarebbe aspettato dei governi o delle politiche diverse. Ma fu grave e inaccettabile quel processo mentale, prima che ideologico, che portò alcuni italiani - pochi - a dire: questo Stato, questa condizione politica, non risponde ai miei sogni, è deludente e, visto che non siamo riusciti a cambiarlo con il voto, abbattiamolo. Uno dei pilastri su cui si fonda la Repubblica è il valore del pluralismo. La democrazia è libertà, uguaglianza, diritti. È anche un metodo. Un metodo che impone di rispettare le maggioranze e le opinioni altrui. Prescindere dal consenso e dalle opinioni diverse vuol dire negare, alla radice, la volontà popolare, l'essenza della democrazia. È quello che tentarono di fare i terroristi".

E ancora: "Esattamente il contrario di quanto proclamava il terrorismo rosso, quando parlava di Resistenza tradita. Il tradimento della Resistenza sarebbe stato, invece, quello di far ripiombare l'Italia sotto una nuova dittatura, quale che ne fosse il segno". Ma sono in molti che ancora oggi sostengono il tradimento della Resistenza e che non cambieranno idea per le sue esternazioni.

Mattarella, del quale conosciamo la sua manipolazione della storia, nega il suo stesso concetto del pluralismo. Per lui solo chi vota centro, condivide le scelte Usa, Nato e della UE e accetta il pensiero unico del potere è considerato democratico.

Il Presidente sorvola sulla strage di Piazza Fontana ordita da servizi segreti di Stato, dai fascisti, dai massoni della P2, sull'uccisione di Pinelli scaraventato dal 4° piano della questura di Milano perché non confessava ciò di cui era estraneo, i cui responsabili sono rimasti impuniti
. 
Ovviamente la stampa si adegua alle veline del Quirinale e calca la mano tralasciando le stragi fasciste che veramente hanno insanguinato il paese e insistono su quelle 368 vittime delle Br che hanno colpito con l'illusione di "alzare il tiro" pensando che quella fosse la via rivoluzionaria.
Da buon democristiano, Mattarella, si occupa del passato dell'Italia, ma tace sul marciume che emerge (solo in parte) nella magistratura che lui presiede. Un covo di vipere di magistrati e pennivendoli che, come nelle migliori tradizioni, si trasforma in una nuova loggia "Ungheria" che, con la complicità dei giornalisti, creano confusione tra chi dice che si tratta di montature e calunnie e tra chi dice che si deve indagare.

Nel frattempo, con un blitz a sorpresa, Draghi chiude l'era Vecchione-Conte e nomina Elisabetta Belloni, già segretario generale della Farnesina, già capo di gabinetto dell'allora ministro degli Esteri Paolo Gentiloni - ha gestito, tra le varie emergenze, i rapimenti di italiani in Iraq e in Afghanistan - alla guida del Dis (Dipartimento Informazioni per la Sicurezza). 

Tra i primi a complimentarsi Franco Gabrielli che ha benedetto la sua nomina, il leader della Lega Matteo Salvini: "Buon lavoro a Elisabetta Belloni, donna di valore" e Matteo Renzi: "La nomina di Elisabetta Belloni alla guida del Dis è un’ottima scelta per le Istituzioni italiane".
Non facciamoci sviare dal fatto che a capo degli 007 ci sia una donna, forse sarano contenti settori del femminismo che non dividono il mondo in classi. In realtà, gli incarichi ai s
uperpoliziotti Gabrielli e Giannini (con formazione Digos, specializzati in antiterrorismo e antieversione, con esperienza di manifestazioni di piazza e di caccia ai cosiddetti terroristi), al generale in divisa per gestire le vaccinazioni, all'esercito per trasportare i vaccini, ai carabinieri per le vaccinazioni domiciliari, dopo la gestione del Copasir a Fratelli d'Italia e dopo le dichiarazioni di Mattarella in varie occasioni, rafforzano il processo di fascistizzazione dello Stato necessario alla borghesia e al capitale per far avanzare i propri progetti di sottomissione della classe operaia e del proletariato e impedire un eventuale scontro fra capitale e lavoro in quella lotta di classe dove si scontrano interessi antagonistici e due visioni del mondo e della società contrapposte.
Per meglio indorare la pillola per la batosta che si abbatterà sul mondo del lavoro con l'applicazione del documento programmatico, dopo mesi di segregazione e distanziamento, per rilanciare l'economia ed evitare di sborsare ristori e cassaintegrazione, ecco che arriva la decisione del governo di aprire tutto e ricevere i turisti senza obbligo di "quarantena". E, improvvisamente, calano i contagi, i ricoveri, i morti prima ancora di raggiungere la cosiddetta "immunità di gregge".
Nel frattempo aumentano le morti sul lavoro. Luana perché giovane e mamma diventa un caso emotivo, ma nessuno rileva che a 24 anni era ancora considerata apprendista e trascina il fatto che nella stessa settimana le vittime sono state ben 5. Le vittime successive non hanno ricevuto le stesse attenzioni. E n
uovi rischi per la salute si aprono per i 2,6milioni di lavoratori in smart working. Problemi legati alla postazione di lavoro, allo stress collegato ai tempi di lavoro dilatati e dall’ansia da prestazione (49,7%), all’indebolimento delle relazioni aziendali (49,7%), alla paura di marginalizzazione (47%) e alla disaffezione verso il lavoro (39,9%).
La mancanza di sicurezza sui posti di lavoro marcia di pari passo con la repressione verso quegli operai che si ribellano alle condizioni estreme di lavoro come alla Texprint di Prato. La salute è attentata quotidianamente e non aiuta la magistratura che assolve i potenti assassini dei lavoratori come nelle sentenze per le morti da amianto che sanciscono che uccidere i lavoratori per il profitto non è un reato o che la strage di Viareggio non è un incidente sul lavoro.
La sicurezza sul posto di lavoro obiettivo costante del nostro giornale, e al centro dell'attività del Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio di Sesto S.Giovanni, del Centro di Iniziativa Proletaria “G. Tagarelli”, e del Coordinamento lavoratori autoconvocati per l'unità della classe (CLA) - è stata scippata per qualche giorno dalla stampa e dallo stesso Governo. Ipocriti in quanto coscienti che gli imprenditori non potranno mai garantire la sicurezza perché in contrasto con i propri profitti.
Ma l'argomento è stato presto accantonato e sostituito dalla difesa della famiglia, tema tanto caro al Vaticano, in occasione degli
Stati generali della Natalità. Esaltare la famiglia per riversarle addosso tutte le responsabilità e le carenze dello Stato e per convincere le donne a restare a casa, non cercare lavoro e lasciarlo... al "capofamiglia", così si riduce anche il tasso della disoccupazione.
Per Mattarella: "
Luogo di condivisione e trasmissione dei valori, segna il rapporto tra le generazioni ed è al centro dello sviluppo dei sentimenti della comunità, oltre a rappresentare elemento centrale della sua continuità". Per Draghi: "Un'Italia senza figli è un'Italia che non crede e non progetta. È un'Italia destinata lentamente a invecchiare e scomparire". Per il Papa: "Finalmente in Italia si è deciso di trasformare in legge un assegno, definito unico e universale, per ogni figlio che nasce. Esprimo apprezzamento alle autorità e auspico che questo assegno venga incontro ai bisogni concreti delle famiglie, che tanti sacrifici hanno fatto e stanno facendo, e segni l'avvio di riforme sociali che mettano al centro i figli e le famiglie. Se le famiglie non sono al centro del presente, non ci sarà futuro; ma se le famiglie ripartono, tutto riparte".
Non c'è futuro, invece, per le famiglie e i giovani palestinesi oppressi, incarcerati, torturati, privati di cure, del lavoro, della casa, bombardati (con caccia compresi gli F.35 e armi prodotte in Italia) a pochi giorni dal 15 maggio (commemorazione della nakba) dal regime di apartheid israeliano. Una vera e propria pulizia etnica che sta provocando una forte reazione nelle piazze - soprattutto di giovani - rispetto alle ridicole mobilitazioni dei parlamentari e capetti della destra che sostengono il sionismo per difendere i numerosi accordi economici e militari bilaterali.

Solo schierandosi, organizzandosi e lottando sempre più fermamente contro il nemico comune: capitalismo e imperialismo, a partire da quello interno, si potrà liberare l'Italia e dare concretamente un aiuto alle popolazioni che in tutto il mondo sono oppresse e sfruttate.


23 aprile 2021 redazione
25 Aprile

25 APRILE DI LOTTA ANTICAPITALISTA
Solidarietà militante con tutti i colpiti dalla repressione. La vera Liberazione arriverà solo quando gli ideali sociali che hanno guidato la Resistenza saranno realizzati e oppressione e sfruttamento cancellati definitivamente dalla storia

A 76 anni dal 25 Aprile 1945, ci troviamo in una società alle prese con una grave crisi economica, sociale e sanitaria dove la propaganda “fascioleghista” scava nei sentimenti più regressivi e reazionari di gruppi sociali, come i ceti medi impoveriti dalla crisi coinvolgendo anche settori popolari, alimenta il razzismo verso gli immigrati, il disprezzo verso le minoranze e gli emarginati dalla società capitalistica, contro chi si batte contro lo sfruttamento e soffia potentemente sul fuoco della “guerra tra poveri”. Mentre il grande capitale può presentarsi come garante dell'unità nazionale e del concetto che siamo tutti sulla stessa barca per uscire dalla crisi con il nuovo governo Draghi.

Il fascismo aveva costituito la forma di dittatura terroristica aperta con cui la borghesia capitalistica aveva deciso di schiacciare le aspirazioni rivoluzionarie e di giustizia sociale manifestate con l’occupazione delle fabbriche nel ‘Biennio Rosso’ 1919-1920 dal proletariato italiano. Un’opzione, peraltro, cui la borghesia non esita a ricorrere ogni volta che non è in grado di mantenere la sua supremazia con i rituali meccanismi di potere propri del sistema democratico-borghese.

Durante la Resistenza gran parte delle formazioni partigiane affrontavano fascisti e nazisti armi in pugno non solo per farla finita con la dittatura, ma per un mondo libero da ingiustizia, sfruttamento e guerra.
Dietro l'impulso della
mobilitazione operaia e gli scioperi del marzo ’43, incoraggiati dalla vittoria dell'Armata rossa contro le orde naziste a Stalingrado, le forze della Resistenza e della lotta armata partigiana si svilupparono contro fascisti, nazisti e tirapiedi prezzolati dei capitalisti grazie alla direzione dei comunisti, al sacrificio, alla preparazione militare e alla forza ideologica capace di risvegliare i valori del patrimonio di lotta proletaria fino alla vittoria.
Ma non esistono vittorie definitive nella lotta di classe e per l'emancipazione del proletariato, queste vanno difese ogni giorno.
Del resto i fascisti non sono mai scomparsi dal panorama politico del nostro Paese, e dal 1945 hanno continuato ad occupare posti chiave nello Stato, dalla magistratura, alla polizia, all'esercito, depistando, coprendo le bombe, gli omicidi, le aggressioni degli squadristi mai cessate contro lavoratori, immigrati, antifascisti e comunisti.
Oggi i fascisti
sia nella versione autoritaria del leghismo e del nazionalismo di Fratelli d’Italia (che sta raccogliendo parlamentari M5S), sia nella versione più triviale e squadristica di Casa Pound, Forza Nuova, Lealtà e Azione e altre formazioni, alzano il tiro perché si sentono legittimati da decenni di propaganda revisionista e dalla sistematica diffamazione della Resistenza alimentata da tutti i partiti istituzionali, ma anche dalle scelte riconciliative della cosiddetta sinistra.
Un proliferare di numerose sigle camuffate anche da associazioni ‘culturali’, librerie, gruppi musicali, per una più efficace penetrazione nel mondo giovanile che si richiamano apertamente al nazifascismo e che aprono covi neri in molti quartieri popolari, soprattutto quelli percorsi da gravi problematiche sociali. Da questi covi partono provocazioni, intimidazioni, aggressioni fisiche a militanti di sinistra, giovani antifascisti, immigrati, studenti e operai in prima fila nelle lotte nei propri ambienti di studio e di lavoro. Gruppi squadristici - utili elettoralmente ai fascisti in doppiopetto - protetti da importanti apparati dello Stato (servizi segreti, settori delle forze armate, vertici delle forze di polizia), finanziati attraverso i traffici di droga e di armi e collusi con mafie e massonerie, addestrati nelle basi militari della NATO, spediti a ‘farsi le ossa’ negli scontri tra le diverse tifoserie calcistiche o come mercenari sui fronti di guerra aperti in diverse parti del mondo (Ucraina, Bielorussia, Siria ecc.). Una riserva di tipo ‘militare’ pronta a essere utilizzata quando il potere borghese lo riterrà necessario.

A queste forze i cosiddetti democratici vogliono lasciare il diritto di parola, in nome della "libertà di espressione" (per i fascisti), oppure lanciano i loro strali contro gli “opposti estremismi” cioè che chi si oppone ai razzisti e alla libera circolazione dei fascisti si pone contro la legalità, deve essere represso da polizia e carabinieri e condannato dai tribunali.

Nonostante la Costituzione borghese sancisca - peraltro sempre più in linea teorica - diritti conquistati già con la Resistenza e poi, attraverso grandi lotte ed enormi sacrifici, nei decenni successivi dal proletariato italiano, ciò non ha impedito ai “padroni” di intervenire con mano pesante nella limitazione di tanti diritti politici, sindacali e sociali della classe operaia: dal diritto di sciopero e di manifestazione a quello di organizzazione e di rappresentanza sindacale, dal diritto ad una scuola per tutti a quello, oggi di triste attualità, di un'efficiente sanità pubblica.

Come nel passato, quando in nome di una ricostruzione nazionale avvenuta sulla base della difesa degli interessi di classe della borghesia,
oggi di fronte alla crisi aggravata dal coronavirus il potere strumentalizza la crisi e ripropone  l'unità nazionale attraverso il governo Draghi.
Subentrato
dopo la trovata di Renzi è presentato come il salvatore della Patria, forse è più salvatore delle banche, della UE, delle logge massoniche e del Club Bildenberg cui appartiene.
In realtà "per salvare il Paese" adotterà forzature istituzionali con lo svuotamento dei poteri del parlamento borghese, trasformerà lo Stato in senso reazionario accentrando le decisioni nelle mani dell’esecutivo, rifacendosi al "Piano di Rinascita Democratica” di Gelli e della sua Loggia P2, eversiva e filoatlantica. Probabilmente metterà mani sulla Costituzione sempre più a favore del potere politico ed economico della borghesia. Ricordiamo che Draghi sul disegno previsto e ordinato dalla banca J.P. Morgan il 21 giugno 2013 ha affermato: «Le Costituzioni mostrano una forte influenza delle idee socialiste, e in ciò riflettono la grande forza politica raggiunta dai partiti di sinistra dopo la sconfitta del fascismo...».

Un ulteriore salto di qualità nell’involuzione in senso reazionario dello Stato potrebbe compiersi laddove venissero confermate - reiterando lo stato di emergenza sanitaria ed inasprendosi quella economica e sociale - le misure coercitive e repressive adottate per far fronte alla diffusione della pandemia da coronavirus.
La militarizzazione del territorio, il ricorso a più avanzate tecnologie di controllo sociale, le limitazioni al diritto di movimento e di riunione potrebbero trasformarsi in provvedimenti strutturali, utili - assieme all’armamentario repressivo già a disposizione (si pensi ai Decreti Sicurezza di salviniana memoria) - a criminalizzare e a soffocare sul nascere le future proteste dei lavoratori del nostro Paese. 
E le premesse si sono viste subito
, sia nel discorso del suo insediamento, sia negli incarichi di settori delicati affidati a superpoliziotti come Giannini e Gabrielli e il generale Figliuolo con esperienze di guerra in Afghanistan e Kosovo a gestire l'emergenza Covid 19, tanto per abituare e fare accettare la presenza militare sui territori.
Avanza, quindi, il processo di ampliamento della repressione per chi non si adegua alla campagna governativa cui aderiscono, in un modo o nell'altro, le varie forze fasciste.
Un attacco che marcia di pari passo con la risoluzione, approvata nel settembre 2019 - con il voto favorevole dei rappresentanti del PD - dal Parlamento europeo in cui si equipara il nazismo al comunismo, posti ignominiosamente sullo stesso piano come regimi entrambi totalitari. Con il rilancio del processo di revisione e falsificazione dei tragici accadimenti che sconvolsero l’Europa intera nella prima metà del ’900. A rendere ancor più grave questo atto è il non aver citato, nella condanna espressa dalla risoluzione, il fascismo come sistema totalitario. Una sorta di tacita assoluzione dei fascismi europei dalle terribili colpe di cui questi regimi reazionari si sono macchiati. Un evidente segnale della natura anticomunista della ‘democratica’ Europa, pronta a ricorrere se necessario, ai servigi che potrebbero offrire i nuovi fascisti di fronte all’inasprirsi dello scontro di classe. Una violenta campagna antipartigiana e anticomunista che sostiene il revanscismo nazionalista e la riabilitazione del fascismo di cui fu iniziatore l’ex parlamentare del PCI Luciano Violante, auspicando, nel discorso di insediamento a presidente della Camera nel ’96, una sorta di “maggiore comprensione” - e di conseguente attenuazione della condanna - verso la scelta di campo fatta nel ’43 da quei giovani passati alla storia come “ragazzi di Salò”.
Nel processo politico e culturale di sdoganamento di un tragico periodo della storia europea e nazionale non stupisce la crescita della destra in Italia. Per questo i comunisti devono prendere le distanze da movimenti di ‘sinistra’ e partitini sedicenti comunisti che, scivolando verso posizioni comunitariste o sovraniste, si avvicinano ambiguamente alla propaganda di forze neofasciste e nazionaliste interne allo schieramento imperialista (come si è potuto riscontrare in occasione delle guerre di aggressione contro Jugoslavia, Iraq, Libia, Siria ecc.) e continuare ad affermare che l'unico antifascismo che realmente produce risultati è quello quotidiano, vissuto nei quartieri, che non conosce deleghe. Un antifascismo che non ha nulla a che spartire con chi nel giorno della Liberazione vorrebbe provocatoriamente sfilare accanto agli oppressori del popolo palestinese, sotto le bandiere sioniste responsabili dei massacri di Gaza; né con chi - dal governo all'opposizione - promuove e sostiene le aggressioni militari in Siria, Libia, come già in Jugoslavia, e appoggia i gruppi nazisti in Ucraina, Bielorussia ecc.
Viceversa uno dei compiti principali di un Antifascismo militante deve essere quello di contrastare queste posizioni rilanciando quell’Internazionalismo Proletario che costituì una componente ideologica fondamentale della parte più avanzata e di classe del movimento resistenziale.
Dinanzi all’avanzare, sotto diverse vesti del pericolo fascista, i comunisti hanno il dovere irrinunciabile di salvaguardare la memoria e l’esperienza della Resistenza di ieri per difendere le speranze di liberazione di oggi della classe operaia e delle masse popolari da un sistema capitalista.
Per questo il 25 Aprile - deve vederci impegnati contro le celebrazioni rituali delle istituzioni in nome dell'unità nazionale, sia contro probabili restrizioni imposte con il pretesto del contagio. Deve essere una giornata di solidarietà militante con tutti gli antifascisti e i lavoratori colpiti dalla repressione, una giornata di mobilitazione anticapitalista, perché la Liberazione arriverà veramente solo quando gli ideali sociali che hanno guidato la Resistenza saranno realizzati e oppressione e sfruttamento cancellati definitivamente dalla storia.

 

 


28 marzo 2021 redazione
editoriale 2/2021

UN IMPEGNO ARDUO MA INDISPENSABILE
I
lavoratori devono capire che è possibile una società diversa da quella fallimentare che propone il capitalismo. Un altro sistema sociale dove non c'è posto per padroni, sfruttamento, oppressione
Sul numero 1 abbiamo anticipato l'arrivo di Draghi, prima del suo insediamento. Ora il salvatore della patria sta governando un esecutivo di "unità nazionale". Draghi ha affidato i più importanti ministeri alla destra e accontentato - tra ministri e sottosegretari - tutti i partiti, riportato la Lega al governo, e reinserito la Gelmini che solo qualche anno fa tanto danno ha fatto come ministra dell'istruzione e ridato a Brunetta di finire il suo compito contro i fannulloni!
Si è anche circondato di uomini "forti": Gabrielli, Giannini, Figliuolo.
Superpoliziotti con formazione Digos, specializzati in antiterrorismo e antieversione, con esperienza di manifestazioni di piazza e di caccia ai cosiddetti terroristi, in buoni rapporti con l'intelligence.
A gestire l'emergenza Covid 19, ha chiamato il generale dell'esercito Figliuolo, già Comandante del contingente italiano in Afghanistan e delle forze NATO in Kosovo, tanto per abituare alla presenza militare sul territorio.
Sappiamo che tutti i governi rappresentano il comitato d'affari della borghesia, il compito di questo governo - gradito all'Europa, alla finanza internazionale, alle logge massoniche, alla Nato e, grazie all'appoggio servile dei mass media, approvato anche dall'opinione pubblica - è quello di gestire i finanziamenti stabiliti con l'UE. Per fare ciò, in fase di pandemia, dovrà ricorrere a misure sempre più vergognose su occupazione, sanità, istruzione, servizi sociali, trasporti ecc.
Un'ulteriore stretta economica, con peggioramento delle condizioni di lavoro e di vita delle masse, può dare vita a movimenti sociali (è auspicabile!), che preoccupano il potere. Mentre i
decreti Salvini sono sempre in vigore c'è da aspettarsi una trasformazione dello Stato, un nuovo disegno repressivo e la preparazione del terreno su cui ogni repressione, ogni limitazione di libertà, ogni decreto sicurezza contro lavoratori in lotta e militanti, venga accolta dall'opinione pubblica come misura necessaria alla salvaguardia del “benessere comune” e in questo Covid 19 aiuta molto.
Questo governo, dopo aver annunciato la "novità" del condono (i furbetti ringraziano), ha dato il via alla missione militare come parte della
Task Force europea Takuba - approvata dal parlamento lo scorso giugno - nel Sahel. Un'altra missione "umanitaria" per la lotta contro il "terrorismo", per la "stabilità e sicurezza". In realtà è un territorio ricco di materie prime saccheggiato e impoverito dalle potenze imperialiste e rappresenta un passaggio decisivo dei migranti verso l'Europa da controllare e bloccare.
Probabilmente sarà il governo che metterà le mani sulla Costituzione indirizzato sempre
più a favore del potere politico ed economico della borghesia nel senso del "Piano di Rinascita Democratica” di Gelli e della sua Loggia P2.
La borghesia sa bene che quando ci sono le "strette" e le condizioni si aggravano incombe il "pericolo"comunista. Quel comunismo che faceva paura
quando uscì il "Manifesto del Partito comunista" di Marx ed Engels che iniziava con le parole “Uno spettro si aggira per l'Europa - lo spettro del comunismo" che vide tutte le potenze della vecchia Europa alleate in una caccia spietata contro questo spettro e che fa paura perché continua a ricordare alla classe borghese il destino che la attende.
Anche se oggi la situazione è diversa. Non c'è più il PCI che, prima della sua involuzione, per molti anni ha prospettato una parvenza di società diversa dal capitalismo; non c'è più il campo "socialista" che - se pure criticabile - era un riferimento per la classe operaia che per anni hanno gridato "faremo come in Russia".

I lavoratori per molte ragioni, che affrontiamo spesso sulle nostre pagine, vedono soprattutto sconfitte, il movimento operaio è in una fase di resistenza non certo all'attacco (il contratto dei metalmeccanici è solo un esempio).
I comunisti incontrano mille difficoltà per organizzarsi, per
rendersi credibili e riuscire a fare capire alla classe lavoratrice che è possibile una società diversa, un altro sistema sociale senza padroni né sfruttamento, né oppressione.
Nonostante tutto la borghesia continua a temere che la propria sopravvivenza sia messa in pericolo e che fa?

Rafforza la denigrazione delle idee comuniste attraverso tutti gli strumenti che ha a disposizione: dai programmi scolastici e educativi, all'indottrinamento mediatico - da quello più becero a quello più raffinato -, dalla cultura all'industria del cinema (non c'è un telefilm senza attacchi verso Cuba, Venezuela, Cina, Russia, Corea del nord...). Ci sono i premi Nobel ai vari Pasternak, Sakharov, Solženitsyn, Gorbačëv, Aleksievič; al premio “Sakharov” ai vari “Memorial”, Oleg Sentsov o opposizione democratica” bielorussa.
La diffamazione è sottile e subdola e può passare inosservata, ma penetra nelle menti e nella coscienza delle persone. Sono tutte idee con le quali la borghesia condiziona perché venga accettato che i comunisti vanno messi fuori legge in quanto “criminali”, e che il comunismo deve essere abolito per legge per il “bene comune" quindi fare in modo che sia la massa a richiederlo, per la “propria sicurezza”.
Nei decenni, l'anticomunismo ha assunto varie forme, è ricorso agli interpreti e ai mezzi più diversi: dai più estremi e terroristici, ai più sofisticati. L'obiettivo è sempre quello di scongiurare la presa di coscienza delle condizioni di vita e di sfruttamento da parte delle classi sottomesse e, dunque, irretire la loro aspirazione a liberarsi.
A gennaio, in occasione del centenario della fondazione del Partito Comunista d'Italia, abbiamo visto tutti - dai reazionari alla cosiddetta sinistra - liberi di sentirsi in dovere di sproloquiare sulla decisione dei comunisti di rompere nel 1921 con l'opportunismo
per programmare un diverso tipo di società, di definire la società socialista condannata “alla dittatura e alle fucilazioni”, di accusarli di aver con la "sciagurata scissione" e le "lacerazioni profonde" di aver favorito il fascismo.
Quando il Presidente della Repubblica si batte il petto per foibe e “crimini dei comunisti slavi contro gli italiani”, falsificando la storia, tacendo sui crimini fascisti e le leggi razziali, accusando chi non è d'accordo di negazionismo. Quando celebra via Fani o l'anniversario della morte di Biagi ma non spende una parola per tutti i morti quasi giornalieri su e da lavoro, cosa fa?
Quando il Presidente del Consiglio (che ha ben imparato dai gesuiti), nel discorso del suo insediamento cita il Papa e il Signore (incurante che siamo una repubblica laica) si richiama al teologo anticomunista Karl Paul Reinhold e alla sua “preghiera per la serenità”, e si preoccupa che le
Costituzioni mostrano una forte influenza delle idee socialiste, cosa fa? Entrambi rispolverano il “pericolo comunista”.
L'ideale comunista è sotto attacco in tutto il mondo, la pianta “sempreverde” è quella della storia sovietica, con «le fucilazioni e le dittature proletarie». Si arriva a dire che i comunisti si erano macchiati dell'olocausto; che se Stalin “si è alleato con Hitler”, significa che è ugualmente responsabile non solo della “invasione della Polonia”, non solo della “spartizione dell'Europa”, ma anche degli stessi crimini del nazismo: anzi, se non fosse stato per Stalin, Hitler non avrebbe nemmeno cominciato la guerra e allora “non c'è da aspettarsi nulla di diverso dai comunisti di oggi”.
La risoluzione del Parlamento europeo del 19 settembre 2019, con l'equiparazione tra nazismo e comunismo e l'auspicio al divieto di “ideologia e simbologia comuniste”, è stata per ora l'ultima tappa nella “istituzionalizzazione” della tesi sulla pari responsabilità di Germania nazista e URSS nello scatenamento della guerra e su un fantomatico “retaggio europeo comune dei crimini commessi dalla dittatura comunista, nazista e di altro tipo”.
Tutto il mondo capitalista inneggia alle rivoluzioni colorate, ai golpisti venezuelani, ai reazionari russi e bielorussi, plaudono alle tesi revisionistiche, vede ancora la Russia comunista e si spende per la liberazione di Navalny, un razzista e nazista mascherato da democratico.

In conclusione possiamo dire che l'anticomunismo è nato con il comunismo, è nato con la presa di coscienza della propria condizione da parte della classe operaia, sottoposta alla diretta oppressione della moderna classe dominante, la borghesia. Tutta la campagna della borghesia con la denigrazione delle idee comuniste è legata a mantenersi il potere e ai suoi obiettivi attuali che sono quelli di preparare il terreno agli ennesimi attacchi padronali sul lavoro e sulla vita delle masse.
È evidente che per far fronte all'attacco spietato della borghesia e dei suoi tirapiedi anticomunisti, sia necessario un autentico Partito comunista, strumento politico e organizzativo della classe lavoratrice. Ma per ricostituirlo si deve rafforzare il processo di unità dei comunisti, di organizzazione, di amplificazione della difesa degli ideali comunisti.

Un impegno arduo per propagandare le proprie idee e
rendersi credibili se si confronta la differenza di mezzi a disposizone tra i comunisti e il potere dominante, ma è indispensabile per far sì che i lavoratori maturino la convinzione che è possibile una società diversa da quella fallimentare che propone il capitalismo. Un altro sistema sociale dove non c'è posto per padroni, sfruttamento, oppressione.


10 febbraio 2021 redazione
editoriale

ANCORA PIÙ MARCATA LA DITTATURA DEL GRANDE CAPITALE
Improvvisamente... tutti insieme per mantenere l'egemonia della classe dominante
Nell'interesse della borghesia e delle logge massoniche Renzi fa cadere il governo e il Presidente della Repubblica ha subito pronto un candidato di "alto profilo", "alto livello": Draghi, uomo della Goldman Sachs, del Vaticano, del club Bielderberg, dell'austerità, delle privatizzazioni su larga scala. Ricordiamo che la
piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali (compresa l'acqua!) e dei servizi professionali era già richiesta nel 2011 con la famigerata lettera della BCE. E stretti legami con la finanza internazionale, tant'è che all'annuncio dell'incarico a Draghi la borsa è schizzata in alto e lo spread è sceso in caduta libera. Una garanzia per il capitalismo italiano, la finanza europea e anche per le alleanze internazionali, dagli Usa alla Nato, a Israele. Per lui, infatti, si sono spesi Lagarde ("è un'occasione d'oro"), Obama, Ursula Von der Leyen.
Significativo è il richiamo di Draghi al teologo anticomunista Karl Paul Reinhold Niebuhr lo scorso anno quando nel suo intervento al meeting CL di Rimini si è riferito alla “preghiera per la serenità”: “Signore, dammi la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare, e la saggezza di capire la differenza”. L'abbiamo riportata nel n. 5/2020 quando pensavamo che Draghi mirasse al Quirinale (ma c'è sempre tempo!). Un'altra volta si affida ad un tecnico il commissariamento del paese inculcando nell'opinione pubblica l'idea della validità di un uomo solo al comando, con pieni poteri, per far uscire il paese dalle secche confermando che l'economia prevale rispetto alla costruzione complessiva del paese. Il risultato l'abbiamo già visto nel 2012 con Monti.
La fine dell'era Conte ha accentuato lo spettacolo indecoroso delle forze politiche del paese. Un esercizio di protagonismo tra balletti opportunisti e populisti dei parlamentari che non vogliono perdere la poltrona.
Tutti hanno fatto a gara per meglio accreditarsi alle esigenze della borghesia e del padronato.
Sono bastati pochi giorni per vedere le piroette della pochezza politica e culturale della classe politica italiana. Il PD è passato dalla difesa del Conte ter ad assolutamente Draghi! Tengono famiglia e si adeguano anche i rappresentanti del M5S i cui padroni Grillo e Casaleggio si precipitano a Roma a impartire ordini. Penoso il tentativo del cosiddetto centrodestra che annuncia di presentarsi unito e alle consultazioni vanno divisi, ma uniti dallo stesso scopo: partecipare al potere e spartirsi il bottino per sistemare parenti, amici, amici degli amici ecc.
È davvero incredibile come i seguaci della Lega non si accorgano quanto le sparate dei vari leader non siano reali, ma rivolte all'aumento del consenso:
“l’unico Governo possibile è quello del centrodestra altrimenti si vada a votare”, l'importante è il programma, la salute (tacendo sugli investimenti necessari per far funzionare la sanità) e il bene del paese (ovvero i propri interessi di bottega). Ma appena si intravvede un posto nel governo cedono - persino sul progetto sovranista - accettando l'europeista Draghi. Berlusconi rivendica di averlo portato alla BCE ed esprime grande consenso, sempre nella speranza di arrivare al Quirinale. La Meloni non vuole perdere la faccia come Salvini e avanza una timida apertura. In realtà la guerra iniziata con la crisi e contro il Conte ter era solo una pressione per candidare nomi e appartenenze.
Tutti alla corte del taumaturgo. Tutti disposti a stare insieme in un governo di larghe intese.
La posta è troppo alta. Sul tavolo ci sono i miliardi Ue, vagonate di finanziamenti che arriveranno perché Draghi è la garanzia di una gestione "sapiente". Che prima di tutto si riverseranno nel complesso militare-industriale e aerospaziale per la realizzazione di nuovi sistemi d'arma destinati alle forze armate, e poi ricadranno alle imprese per il cosiddetto rilancio. Senza alcuna certezza di investimenti che garantiscano l'occupazione.
In ballo c'è anche la riforma della giustizia, compresa la non gradita cancellazione della prescrizione (oggi più attuale che mai dopo la sentenza della Cassazione sulla strage di Viareggio), che non piace ai politici disonesti e corrotti.
A chi importa degli operai che passano il Natale in fabbrica perché licenziati nonostante il blocco "Covid 19?
A chi importa se i
disoccupati sono già aumentati oltre 500mila e saliranno al milione con la fine ufficiale del blocco dei licenziamenti? Solo in dicembre si sono registrati 101mila disoccupati di cui 99mila donne. Ciononostate aumentano le morti sul lavoro e da lavoro che non fanno neppure notizia. Solo in Toscana in cinque giorni se ne sono contati quattro.
Gli imprenditori aggirano l'ostacolo e chiudono per cessata attività non perché in crisi, né per il lockdown, ma per delocalizzazione, tanto il governo glielo permette.
Whirlpool, AIR ITALY, Treofan (di proprietà Jindal, la multinazionale indiana che da anni dovrebbe subentrare alla Lucchini), ABB, TNT, Perini Navy, Testi cementi sono solo alcune delle ultime imprese che lasciano sul lastrico centinaia di operai.
Le poche forme di resistenza operaia continuano ad essere separate anche quando si tratta dello stesso gruppo o delle stesse categorie perché non si mette al primo posto l'unità di classe. Non aiutano gli "scioperi generali" di "bandiera". Escludendo i lavoratori della logistica in lotta per il loro rinnovo del contratto, la classe lavoratrice - soffocata dai sindacati collaborazionisti e dalle beghe del sindacalismo di base - non è pronta a perdere giornate di salario per scioperi che non intaccano minimamente il capitale né i governi che lo sostengono.
La borghesia sa il fatto suo. Draghi
taglierà i miseri aiuti come il reddito di sussistenza, eliminanerà il blocco dei licenziamenti. Le ultime dichiarazioni di Landini - che sta chiudendo al ribasso vari contratti, compreso quello scandaloso dei metalmeccanici che una volta era la categoria egemone e trainante - sono appiattite sulle capacità di Draghi. Per il movimento operaio si prospetta un nuovo massacro sociale.
In questo scenario, Covid 19 favorisce l’accelerazione del processo di militarizzazione che non sarebbe stato possibile in tempi di “normalità”. La libertà di manifestazione è limitata e si chiudono gli spazi di aggregazione sociale. Per le date storiche che movimento comunista e popolare è solito celebrare in piazza - 8 Marzo, 25 Aprile, 1 Maggio - già proibite lo scorso anno si ripresenta il problema.
Con grande complicità dei mezzi di informazione in questi giorni, più del solito, abbiamo sentito Lega e Fratelli d'Italia premere sulle elezioni per dare la parola al popolo e avere un governo stabile. Falsità e demagogia. Quando mai, con tutte le formazioni che si presentano, i cittadini decidono l'esecutivo di governo? I cittadini, influenzati da promesse illusorie, mandano in parlamento i parassiti che poi formano il governo secondo i propri interessi e di coloro che rappresentano, che non sono certo i bisogni degli elettori.
Il centrodestra ha già governato e... male. Non regge l'alternanza al governo. Non c'è centro destra o centrosinistra, né destra o pseudo sinistra - nonostante tutti i loro proclami - che sia veramente interessata alla comunità. Il loro vero interesse è farsi eleggere non per governare al meglio, ma garantirsi i lauti compensi parlamentari (più tutti i privilegi) e per ottenere il potere politico e finanziario, in particolare, oggi con l'arrivo dei miliardi UE. Molti hanno capito che la situazione non si risolve andando alle urne, ma non basta. Questa scelta deve trasformarsi in presa di coscienza, in attività politica, participazione, organizzazione - e ciò comporta lo sviluppo dell'unità dei comunisti - perché solo così si può affermare la possibilità di costruire un altro sistema, sociale, senza sfruttatori e, soprattutto senza padroni e politicanti.


14 dicembre redazione
editoriale n. 7

No all'offensiva capitalista
L'unità dei lavoratori e la lotta unitaria contro il nemico comune sono indispensabili per passare dalla resistenza al rovesciamento del regime di sfruttamento e dimostrare nella pratica che la classe lavoratrice può vivere senza padron
i
Un altro anno sta per finire, ci aspetta un anno nuovo - quello della ricorrenza del centenario della nascita del PCdI - sempre impegnati a proseguire nel percorso intrapreso che punta sulla difesa e sull'affermazione della validità del marxismo e del leninismo. E, ancora una volta ormai da 30 anni, chiediamo il sostegno dei comunisti. Siamo convinti che "nuova unità" sia uno strumento di controinformazione utile ai lavoratori - tant'è che siamo usciti anche durante il lockdown - e che dobbiamo fare ogni sforzo per migliorarlo, anche con i contributi dei lettori e non solo economici. Ma ancora dobbiamo fare appello a compagni e lettori - nonostante il duro periodo di crisi economica - di rinnovare l'abbonamento. Ai diffusori chiediamo di essere più solleciti nel versare il ricavato delle vendite, sebbene quest'anno la diffusione sia stata fortemente penalizzata dal lockdown. Sono le uniche entrate di cui disponiamo in un mondo, quello della stampa, in mano al monopolio borghese, reazionario e manipolatore al servizio dei padroni, per questo dovremo essere fiscali e sospendere l'invio a coloro (tranne per chi veramente vuole leggerlo ma non è in condizioni di abbonarsi) che, pur potendo, non provvederanno al rinnovo.
Stiamo preparando questo numero nuovamente in clima di segregazione.
Fino a maggio ci hanno imposto le regole più rigide d'Europa, poi è venuta l'estate e sembrava che il numero dei contagi fosse sparito; oggi abbiamo un tasso di mortalità superiore alla Germania, alla Francia e persino alla Spagna.
Da sempre i governi italiani non conoscono né prevenzione, né pianificazione, è ovvio che la carenza di operatori sanitari, posti letto (già nel 2018 la Campania aveva circa due posti letto pubblici per mille abitanti, l’Emilia Romagna era a 3,5 ecc.), terapie intensive e persino di bombole dell'ossigeno non permette un gran numero di ricoveri e allora la tendenza è a "curare a casa", con tutte le complicazioni del caso. Ma soprattutto si ricatta e si impaurisce per fare ricadere la responsabilità dei contagi sui comportamenti individuali delle persone. Se non state alle regole e vi contagiate è colpa vostra e si minacciano restrizioni peggiori in un'eventuale terza ondata. Ma si tampona a macchia di leopardo, non funziona il sistema rintracciamento e si ignora che chi va al lavoro (produzione, commercio e servizi non si sono mai fermati) e a scuola viaggia stipato nei mezzi di trasporto che, invece di raddoppiare le corse, le diminuiscono per non perdere i profitti.
L'Italia è divisa in zone colorate, salvo scolorirsi nel nome del business natalizio, e le parole d'ordine rimangono isolamento, distaccamento sociale, protocolli di protezione - che non vale per i mezzi di trasporto. Un sistema molto favorevole a
l potere. Infatti il governo, con la giustificazione della necessità dell'isolamento sanitario e sociale (ma anche con l'illusione che a tutti arriveranno i prestiti UE), e una certa capacità di coinvolgimento riesce ad ottenere il consenso ed evitare proteste e manifestazioni della classe lavoratrice. Più facile che applicare le leggi e i decreti Salvini orientati proprio a criminalizzare i lavoratori in lotta e colpire ogni tentativo di mobilitazione sociale.
Tutti sacrificati in casa per non intasare gli ospedali e bloccare altre patologie e in attesa del vaccino per una malattia di cui si conosce ben poco e per la quale si sottovaluta la ricerca di una terapia. Già il toccasana è il vaccino targato Pfizer. Un nome, un programma! Pfizer, già nota per aver condotto su 200 bambini nigeriani affetti da meningite un test clinico non autorizzato con l’antibiotico Trovan (che può danneggiare il fegato con esiti mortali) dei quali undici sono morti e altre decine hanno riportato danni permanenti. Nel 2012 Pfizer ha pagato un solo miliardo di dollari per risarcire diecimila donne che l'avevano denunciata in seguito agli effetti cancerogeni del farmaco Prempro. Altre denunce sono state fatte per i gravi disordini psicologici provocati da Chantix, e sotto accusa è anche il depo-testosterone nel viagra perché provocherebbe ictus e infarti. Pfizer ha anche rifiutato di rendere generici i propri farmaci contro l’Aids nei paesi più colpiti dalla malattia che li renderebbe meno costosi, ha violato brevetti, ha promosso farmaci per utilizzi non approvati, ha offerto a migliaia di medici ed esperti denaro e regali per la prescrizione di farmaci recanti gravi effetti collaterali.
È evidente la forza di questa multinazionale, che comprende la tedesca BioNtech), tanto da imporre all'Europa l'acquisto del vaccino già in produzione prima dell'autorizzazione (che non si sa se limita il contagio né la durata della copertura) - definito dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen il più promettente finora -. Di conseguenza l'Italia segue e si adegua, nonostante mesi di entusiastiche e patriottiche affermazioni sulla validità del vaccino italo-inglese, la collaborazione tra l’Università di Oxford e l’italiana Irbm.
Quando agli stati generali di giugno il ministro Speranza annunciò l'acquisto di 1,7 milioni di dosi (disponibili da metà gennaio '21) si guadagnò l'applauso dei presenti. In questi giorni emergono altri numeri e la graduatoria delle categorie che hanno la precedenza, ma non sarà obbligatorio, ci dicono, probabilmente per nascondere la carenza di dosi. Si parla di 202 milioni che presumibilmente comprendono il richiamo (forse più di uno), la cui distribuzione è affidata all'esercito in piena continuità con la militarizzazione dei territori già in atto per i controlli delle zone colorate. Se per ottenere l'immunità di gregge, che varia a seconda dell'infezione, si può considerare al sicuro la popolazione quando almeno il 95% è vaccinata, i dati non tornano nonostante ministri, dottori, opinionisti ecc. si sgolino da mesi tutto il giorno in trasmissioni radiotelevisive per convincere la popolazione sui benefici del vaccino anticovid come se ce ne fosse per tutti. Nel frattempo scarseggia in tutta Italia il tanto raccomandato e "indispensabile" vaccino influenza, salvo... acquistarlo in farmacia.
Anche il vaccino - evidentemente più conveniente di una terapia - dimostra la voracità del capitalismo e degli accordi UE, a differenza di Cuba le cui brigate mediche combattono il coronavirus in oltre quaranta paesi con il vaccino "Soberana 01-02" che mostra lo sviluppo degli anticorpi, e con terapie farmaceutiche per soddisfare le necessità dei malati e non i profitti del capitale.
Tutti i governi passati negli ultimi decenni hanno volutamente distrutto la sanità pubblica (con continue riforme, spesso con speculazioni e corruzione) per orientarla verso quella privata, riducendo personale e posti letto nell'indifferenza degli stessi utenti, ma anche della maggioranza dei lavoratori del settore che ora sono stati travolti dall'emergenza e raggirati da istituzioni e sindacati. Tanto che in questa seconda ondata, pur continuando a morire e a sottoporsi a turni massacranti, è finito l'"innamoramento" degli "eroi".
La salute, come la sicurezza sui luoghi di lavoro (dove si continua a morire) -
il 6 dicembre è stato il 13° anniversario dell’incendio che uccise i sette lavoratori della ThyssenKrupp nel 2007 - continuerà ad essere al centro della nostra informazione e sostenute nella lotta dei lavoratori che si oppongono alla violenta offensiva capitalistica. Che si presenta con sempre maggiore chiarezza e perciò richiede un impegno e una partecipazione maggiore da parte del movimento operaio. L'unità dei lavoratori e la lotta unitaria contro il nemico comune sono indispensabili per passare dalla resistenza, spesso isolata, ad un efficace livello di attacco del nemico, fino al rovesciamento del regime di sfruttamento e dimostrare nella pratica che la classe lavoratrice può vivere senza padroni.
Ai comunisti, oltre alla lotta, si aggiunge il compito di portare avanti il percorso di ricomposizione delle frammentate forze comuniste e affermare la validità del socialismo scientifico. Ideologia criminalizzata dalla destra che avanza nei diversi paesi del mondo e che è anche la politica ufficiale dell'Unione europea, da socialdemocratici e revisionisti di ogni specie.