23 marzo 2018 redazione
editoriale n. 2

Ci aspetta un nuovo governo della borghesia
Ci sono tutti gli elementi per capire che è sempre più necessario organizzarsi per affrontare lo scontro di classe
Abbiamo impostato la nostra campagna elettorale sull'astensionismo in rifiuto a tutti gli appelli al voto perché, in quanto comunisti, non possiamo contribuire all'avanzata delle forze borghesi che da anni aggravano le condizioni di lavoro e di vita di milioni di proletari: lavoratori e pensionati e perché non ci sono le condizioni per presentare liste rivoluzionarie contro il sistema di sfruttamento e oppressione (all'interno la nostra analisi sui risultati).
"Le elezioni passano e i padroni restano" è stato il nostro slogan e così è. Dopo aver illuso gli elettori ora gli eletti si scannano per la presa del potere mentre ogni giorno chiude una fabbrica e gli operai ingrossano le file dei disoccupati.
Il costo della vita aumenta sia per le bollette, acqua, luce, riscaldamento, che per i continui rincari alimentari. È già previsto un prossimo aumento dell'Iva e accise sui carburanti. Aumenta il prezzo del biglietto del trasporto, il pedaggio autostradale, il carburante è alle stelle, mentre i servizi sociali e la sanità diminuiscono e sono depotenziati. Ormai è risaputo che milioni di persone sono costrette a rinunciare alle cure mediche perché non possono pagare le medicine né i ticket.

Tra contraddizioni e manovre più o meno sotterranee, trasformismi sulle promesse in campagna elettorale, tra le ingerenze straniere: dalla Ue al Vaticano, agli Stati Uniti i partiti sgomitano per prendere il potere e formare un governo che continuerà la politica antipopolare, repressiva, europeista e di riforme istituzionali. Una politica di smantellamento del mondo del lavoro e di guerra a favore dell'imperialismo. Tant'è che mentre tutti erano concentrati sulle elezioni Confindustria ha siglato un famigerato accordo con Cgil-Cisl-Uil-Ugl. L'ennesimo che si caratterizza per impedire il conflitto di classe tra capitale e lavoro garantendo ai padroni mano libera nello sfruttamento.
Governo e Parlamento prenderanno forma con il carico di 2300 miliardi di euro di debito pubblico, con rappresentanti di forze politiche sempre più spostate a destra in continuità con la gestione degli interessi della borghesia sia sul piano economico che di guerra, sia sulle scelte fatte all'interno dell'Unione europea i cui trattati, nelle promesse elettorali, non sono stati (e non saranno) messi in discussione. Compito già assolto egregiamente dai governi di centro sinistra a guida PD.
Non continuino ad illudersi quelli che hanno votato il M5S contro la casta, dandogli una paternità di sinistra, né quelli che hanno votato Lega credendo che libererà il Paese dai vincoli europei.

Qualunque sia la coalizione sul proletariato piomberà una nuova stagione di sacrifici, autoritarismo, repressione e disoccupazione perché non sarà certo il prossimo governo ad impedire la fuga degli imprenditori, dopo aver preso le sovvenzioni statali, a far rientrare le 36mila aziende delocalizzate in varie parti dell'Europa e dell'Asia dove sfruttano nuova classe operaia. Non sarà un governo che aumenterà le tasse alle multinazionali che producono in Italia (già ridotte dal 27,5 al 24% dal PD), né che fermerà l'aggressività dell'Unione europea per il suo sostegno degli interessi del complesso militare industriale e per la militarizzazione dell'Europa, per la quale la Commissione ha proposto la spesa di 500 milioni per il biennio 2018-2020. L'Italia non uscirà dalla Nato perché nessun partito eletto l'ha messa in discussione nella campagna elettorale, anzi rispetterà la richiesta degli Stati Uniti di aumentare la spesa per la Difesa e raggiungere almeno il 2% del Pil: più soldi per più armi, per più capacità militare, quindi guerra.
Per i comunisti la lotta sarà ancora più dura perché dovranno affrontare un attacco anticomunista, ancora più profondo, sostenuto dalle teorie di chi pone sullo stesso piano comunismo e fascismo e dai ciarlatani che dichiarano di non essere né di destra, né di sinistra - salvo propendere nella pratica per la destra -.
Il mondo è diviso in classi, ci sono gli sfruttatori e gli sfruttati e ci sono le ideologie. Perché i comunisti dovrebbero rinunciare alla propria - l'unica in grado di sostituire il sistema capitalista nelle mani di pochi con quello socialista nelle mani dei lavoratori - quando la borghesia e i suoi rappresentanti fanno valere la propria in tutti i settori della vita?
Il proletariato, i lavoratori - compresi coloro che sono caduti nella trappola del "voto utile" - si accorgeranno ben presto che il sistema capitalista non è riformabile, che la risposta alle selvagge scelte economiche e ai conseguenti disastri sociali imposti dalla “dittatura del capitale” richiede la partecipazione attiva e diretta, la lotta e non la delega. Richiede l'unità dei lavoratori contro il nemico comune che non sono gli immigrati, ma i padroni che sfruttano sempre di più per proseguire la loro corsa al massimo profitto. 
Dovremo impegnare tutte le nostre energie contro le forze che governeranno anche sul tema del progressivo autoritarismo,
di controllo, militarizzazione, di repressione politica e sociale e della crescente gravità del fascismo sotto qualsiasi veste si presenti. Comprese le bande squadristiche - spesso colluse con mafia e criminalità - utilizzate tatticamente dalla reazione padronale per colpire lavoratori in lotta e militanti di sinistra, che oggi si rivitalizzano nelle strade di tutto il Paese perché forti dell'avanzata delle forze reazionarie elette al Parlamento.  
Alla vigilia del 25 Aprile, dopo 73 anni, è doveroso ribadire l'importanza dell'impegno per un antifascismo attivo, vissuto in modo militante e non retorico o parolaio come abbiamo registrato in questi ultimi mesi in realzione ai fatti di Macerata e di Firenze. Un antifascismo basato sulle aspirazioni di classe che hanno animato la Resistenza (sopita, manipolata, distorta, tradita) nella sua lotta contro il capitalismo e i suoi governi nella quale operai, proletari, uomini e donne - che compresero l'inscindibile legame tra fascismo guerrafondaio e sistema capitalistico - misero in gioco la propria vita combattendo nelle brigate partigiane e nei Gap rimanendo uccisi, torturati, deportati nei campi di sterminio nazi-fascisti. Abbiamo bisogno di quel risveglio politico e culturale, etico ed esistenziale, di quell’esperienza resistenziale e delle successive battaglie antifasciste combattute nel nostro Paese.

In particolare i giovani, defraudati della memoria storica, schiacciati tra il consumismo, la precarietà esistenziale e lavorativa fatta di disoccupazione e spietato sfruttamento di un mercato del lavoro senza più regole devono capire, che per evitare di vivere un presente senza futuro, è possibile costruire una società diversa.

 


10 febbraio 2018 redazione
editoriale 1/2018

LINTERESSE DEL PROLETARIATO
L'obiettivo della ricostituzione del partito comunista è all'ordine del giorno dei comunisti rivoluzionari
Siamo in campagna elettorale, che in effetti è partita da tempo, grazie anche alla piaggeria dei vari mezzi di informazione. Tutti, lacerati dalle scelte dei candidati, sono lanciati in una gara di promesse improbabili e tutti uniti per convincere gli elettori ad andare a votare. Con una legge, peraltro, diabolica e truffaldina che non garantisce assolutamente quella stabilità tanto invocata da governo e politici. Anche la sinistra è sensibile al richiamo delle sirene del voto alimentando illusioni, parlamentarismo e fiducia negli strumenti della democrazia borghese. Ebbene noi, ancora una volta, ci distinguiamo e ci pronunciamo per l'astensionismo. Perché? Perché nessuna forza che si candida può rappresentare gli interessi della classe lavoratrice nell'attuale situazione e perché siamo convinti che la macchina statale borghese deve essere demolita e non si possa semplicemente impossessarsene.
Ci richiamiamo all'unico modo per cambiare effettivamente le condizioni drammatiche in cui si vive e che, nonostante le "rassicurazioni" dei governanti, peggioreranno sempre più.  Da marxisti e leninisti ci basiamo su teorie scientifiche, e non dogmi incontrastabili, che sono state applicate con successo e che sono più che mai valide. Seguendo Marx (ricordiamo quest'anno i 170 anni del "Manifesto" del partito comunista) e Lenin sappiamo che solo distruggendo il capitalismo e con esso tutti i borghesi, che solo capovolgendo i rapporti di forza a favore del proletariato si può instaurare un sistema sociale di liberi dallo sfruttamento. Ma per arrivare a questo ci vuole un autentico partito comunista che non ripercorri le teorie riformiste ed opportuniste che la spudorata disonestà intellettuale ha portato alla sconfitta del PCI. Il partito, per permettere alla classe operaia di soppiantare e sostituirsi alla borghesia confermando che gli operai possono "fare da sé e fare bene", impadronirsi della produzione e avviare una rigenerazione di tutta la società, come sosteneva Gramsci.
Sappiamo che la costruzione del partito comunista è opera lunga e complessa, comprende l'organizzazione, la struttura, il metodo e il contenuto del lavoro rivoluzionario, l'assimilazione del marxismo-leninismo e farne pratica nella vita interna e nell'azione politica del partito con l'obiettivo di portare la lotta di classe alla rivoluzione. Cosa ben diversa da un'adesione generale a un movimento rivoluzionario.  Quando si parla di rivoluzione, di presa del potere, di rovesciamento della borghesia si deve essere coscienti che al proletariato è necessario il suo stato maggiore, cioè il partito leninista. Qualcuno dirà che ce ne sono anche troppi di partiti comunisti nel panorama italiano, ciò che distingue la nostra concezione è che per noi il partito comunista, pur "rappresentando" gli interessi delle masse lavoratrici, attua la volontà di una determinata parte delle masse, quella più avanzata, la parte del proletariato che vuole rovesciare il regime esistente con mezzi rivoluzionari per fondare il comunismo.
Guardiamo a Gramsci perché ha posto le basi e indicato la strada per compiere in Italia la rivoluzione proletaria, non a caso il fascismo lo imprigionò perché capo del Partito Comunista e riferimento del proletariato italiano e lo condannò per la grande opera da lui svolta. Ma al tempo stesso guardiamo a Lenin e Stalin tanto più oggi che il revisionismo, il riformismo,
lo sviluppo di teorie di ogni genere: dalla fine della storia, alla fine dell'ideologia, alla scomparsa della classe operaia ecc. ecc. - generate o da precisi interessi di classe della borghesia, o da interpretazioni errate circa le forme assunte dal capitalismo nella sua fase imperialista, mentre rimane intatto il raggiungimento del massimo profitto attraverso lo sfruttamento della classe operaia e la rapina dei popoli - sembra abbiano portato indietro la situazione.
Lenin intendeva l'organizzazione all'opposto delle organizzazioni tradizionali dei cosiddetti partiti di massa della sinistra dove chiunque può iscriversi con il conseguente annacquamento della sua composizione di classe e dove si perpetua la separazione tra la lotta economica e quella politica, dove gli intellettuali elaborano la teoria, i dirigenti fanno la politica e ai proletari rimane solo la lotta rivendicativa economica-sindacale, sempre nell'ambito delle compatibilità col sistema capitalista, in conformità alle forme dello Stato borghese. La più ampia democrazia si ottiene obbligando tutti i militanti a partecipare attivamente alla vita politica del partito. Come sosteneva Lenin nel saggio "Un passo avanti, due passi indietro": "Il partito, nella sua attività pratica - se vuole conservare l'unità delle sue fila - deve applicare una disciplina proletaria unica, egualmente obbligatoria per tuttti i membri del Partito, tanto per i capi, quanto per i semplici membri. Perciò nel Partito non deve esserci alcuna divisione in membri dell'élite, per i quali la disciplina non sia obbligatoria e i non membri dell'élite, che debbano sottomettersi alla disciplina..."
Stalin, ritenendo il partito "il capo politico della classe operaia", precisava che "non deve limitarsi a registrare quello che la massa della classe operaia sente e pensa e trascinarsi alla coda del movimento spontaneo, ma deve condurre dietro a sé il proletariato, elevarsi al di sopra degli interessi immediati del proletariato, elevare le masse al livello degli interessi di classe del proletariato". Per Stalin, essere in grado di dirigere la lotta del proletariato il partito, armato d'una teoria rivoluzionaria, deve conoscere le leggi del movimento e le leggi della rivoluzione. Deve assorbire tutti i migliori elementi della classe operaia, la loro essenza, il loro spirito rivoluzionario, la loro devozione sconfinata alla causa del proletariato. Deve porsi alla testa della classe operaia e vedere più lontano della classe operaia perché solo così è in grado di trasformare la classe operaia in forza politica indipendente.

L'obiettivo della ricostituzione del partito comunista è all'ordine del giorno dei comunisti
che non praticano il riformismo, che si distinguono nella lotta sindacale-rivendicativa per difendere gli interessi immediati, e vincere l'opportunismo, uno dei principali nemici del movimento operaio. La pratica dimostra che quando i sindacalisti attivi tra la classe lavoratrice sono opportunisti difendono gli interessi della borghesia meglio degli stessi borghesi. Ma al tempo stesso i comunisti difendono gli interessi futuri del movimento operaio senza dimenticare mai che lo scopo finale della lotta di classe - affermazione che non deve essere solo teorica - è quello dell'abolizione del sistema del lavoro salariato e dell'emancipazione del proletariato.

Gli insegnamenti e l'operato di Marx, Lenin, Stalin, Gramsci, ancora oggi, sono di grande attualità per chi vuole condurre la lotta di classe sino all'abbattimento violento del capitalismo per una società fondata sul lavoro e sull'emancipazione da ogni forma di schiavitù dell'uomo sull'uomo. Approfondire i loro scritti non è anacronistico come vuole inculcare la borghesia che non perde occasione per attaccarli, manipolarli, mistificarli. L'obiettivo deve essere la rivoluzione sociale attraverso la quale la classe lavoratrice diventi padrone della situazione, con la condizione della dittatura del proletariato, indispensabile nella lotta contro le forze e le tradizioni della vecchia società, nel passaggio dal capitalismo al comunismo, cioè la società senza classi. Non c'è altra via, se non si capisce, non c'è salvezza!


26 dicembre 2017 redazione
editoriale n. 7
No alle trappole illusorie Sostenete

No alle trappole illusorie
Sostenete "nuova unità", per affermare una voce comunista contro il feroce attacco anticomunista
C'è un grande affanno che agita le forze politiche in previsione delle elezioni governative con una legge che contrasta completamente il concetto su cui ci martellano da anni: la governabilità. Tutte cercano il consenso facendo a gara sulle più svariate proposte a favore del "popolo". Un baraccone che trova ampio spazio su tutti i massmedia, ma che non funziona più perché nessuna soluzione ai problemi del proletariato e dei giovani può venire, anzi quel che si profila è un governo ancora più reazionario sempre più schierato con l'imperialismo USA, della UE e la NATO.
Sono i risultati elettorali a confermare il sempre crescente astensionismo. Che riteniamo sia un fatto positivo anche se lo sdegno e la sfiducia dei proletari nei confronti dei palazzi del potere non si sono ancora orientati pienamente in forza anticapitalista e nello sviluppo della lotta di classe con una presa di coscienza rivoluzionaria.

Nel momento in cui la borghesia cancella tutti i diritti del mondo del lavoro - a partire dal più importante, quello della libertà di sciopero -; aumenta la disoccupazione, la maggioranza dei pensionati è alla fame, mancano le case popolari, si svendono le fabbriche, si tagliano servizi e sanità, i lavoratori sono costretti a scegliere tra lavoro e salute, impera la precarietà, si violenta la natura, i nazi-fascisti rialzano la testa, l'imperialismo aumenta la sua aggressività cercando sempre nuove guerre, tira fuori dal cappello i soliti argomenti di "distrazione di massa", ultimo in ordine di tempo il testamento biologico.
I vari governi appellandosi al rispetto dei vincoli di Maastricht, di Lisbona ecc. al pareggio di bilancio, al fiscal compact tagliano su tutte le spese sociali mentre il debito pubblico continua a crescere per le spese militari e il riarmo, per l'appartenenza alla Nato, per finanziare le banche e le industrie, per le enormi spese gestionali sostenute da questo governo, ivi comprese quelle che, con la sordina, sono state utilizzate per portare in Italia le salme dei monarchi che "per grazia di dio e per la volontà della nazione re d'Italia imperatore d'Etiopia" hanno appoggiato il regime fascista e promulgato i provvedimenti per la difesa della razza.

Il vero problema è il capitalismo che nessun partito né movimento hanno intenzione di abbattere perché lo rappresentano. Il capitale si basa sullo sfruttamento dei lavoratori, sul plusvalore, sul profitto esattamente come l'ha analizzato Marx con un'analisi pienamente attuale. Il suo prolungamento aumenta solo la sofferenza della classe operaia e delle masse popolari che non devono cadere nelle trappole delle promesse elettorali. La lotta, l'organizzazione, il protagonismo operaio sono elementi indispensabili per cambiare il sistema capitalista in socialista. Per questo noi, comunisti di "nuova unità", resistiamo per portare avanti le nostre idee rivoluzionarie, convinti della necessità dell'unità dei comunisti per arrivare ad una vera lotta di classe che sconfigga il capitalismo. Pensiamo che anche un giornale come "nuova unità" - che è una goccia nel mare dell'informazione borghese che raggiunge e condiziona milioni di persone - sia fattore di coesione e organizzazione politica, uno strumento di riflessione, fondamentale per la formazione, e di lotta per l'aggregazione e lo scontro politico.
È vero che, anno dopo anno, la situazione è sempre più difficile e complicata. Molti compagni abbonati e diffusori ci hanno lasciato troppo precocemente e numerosi sono disoccupati o pensionati che non possono pagare l’abbonamento. Pur non volendo anche quest'anno siamo obbligati ad una robusta selezione e, quindi, sospenderemo l'invio a coloro che, pur potendo, non pagano evidentemente perché sottovalutano il sacrificio dell'impegno volontario dei compagni per garantire e rafforzare una voce comunista in un periodo di forte attacco al comunismo, che può vivere solo sul contributo dei lettori e dei sostenitori che si battono ogni giorno per abbattere questo marcio sistema capitalista e imperialista.


25 novembre 2017 redazione
editoriale n. 6

Il socialismo è possibile
Riappropriarsi delle analisi di Marx, Lenin, Gramsci per liberarsi dallo sfruttamento
Il mese di novembre si è caratterizzato per l'anniversario dei 100 anni della Rivoluzione russa, la prima che ha capovolto i rapporti di forza e dimostrato che il capitalismo si può abbattere e che il proletariato può prendere e gestire il potere senza sfruttamento. Una rivoluzione che ha contribuito a fare grandi passi avanti al movimento operaio in tutti i paesi del mondo, anche in quelli che del perché non staremo qui ad analizzare, non hanno fatto la rivoluzione.
Oggi, a distanza di 100 anni, il movimento operaio e la classe lavoratrice sono ritornati ad una moderna forma di schiavitù. Ricatti e repressione hanno instaurato sui luoghi di lavoro il terrore di perdere l'occupazione, l'enorme esercito dei disoccupati offre la propria manodopera al maggiore ribasso. L'esempio più eclatante è quello di Almaviva. Un anno fa 1600 lavoratori che non accettavano un'ulteriore riduzione del salario sono stati licenziati, il più grande licenziamento collettivo, insieme alla comunicazione della chiusura della sede di Roma. Falso. La sede di Roma non solo non è stata chiusa, ma ha sempre funzionato con lavoratori pagati con contratti Co.co.co. Di fronte alla recente decisione del Tribunale del lavoro del reintegro di 150 lavoratori la risposta è stata: fra 5 giorni assunti a Catania!
E poi ci sono le delocalizzazioni. Gli industriali prendono contributi dal governo - sempre solerto a sostenere questa categoria - e poi se ne vanno all'estero; le imprese straniere - tanto apprezzate dai nostri governi per gli "investimenti" in Italia - per poi finire come la Bonetti di Garbagnate acquistata dagli indiani che la chiudono, nonostante sia un polo di eccellenza per la produzione di qualità ed economicamente in attivo - comprano e spostano o chiudono, lasciando i lavoratori italiani sulla strada, altro che "prima gli italiani" famoso slogan di Lega e dei fascisti, rivolto contro gli immigrati ma mai contro le svendite delle industrie alle multinazionali! È notizia di questi giorni l'ennesima delocalizzazione, quella della Honeywell da Lanciano (Abruzzo) alla Slovacchia (dove gli incentivi pubblici sono ancora più alti e dove maggiore è la possibilità di sfruttamento): altri 420 operai più 100 dell'indotto a casa.
I vari governi non si sono mai occupati di questo sistema di trasferimento persino di quelle imprese che avevano ricevuto sovvenzioni statali, ma è più grave il fatto che l'argomento non sia mai stato oggetto di lotta da parte dei sindacati. I confederali, ovviamente per la loro politica di sostegno ai governi e di non disturbo ai padroni, ma non c'è stata neppure opposizione da parte dei sindacati di base né un lavoro per il rafforzamento di una rete a livello internazionale che garantisse i lavoratori sottopagati di quei paesi a loro volta sfruttati e messi in condizione di concorrenza con gli italiani.
Ma i lavoratori chiusi nella difesa del proprio piccolo spazio, presi dalle difficoltà economiche della quotidianità, delusi e amareggiati non riescono ad aprire il loro orizzonte politico, ad avere la consapevolezza - tantomeno la coscienza - che si può lavorare e vivere senza padroni e che il loro sfruttamento mira solo ad aumentare i loro profitti. È la conseguenza di anni e anni di una politica opportunista e revisionista, e quindi devastante sotto tutti gli aspetti, portata avanti dalla cosiddetta sinistra.
Borghesia, revisionisti, opportunisti di ogni specie sono terrorizzati dall'opportunità che si ritorni agli anni in cui lo slogan dei lavoratori era "facciamo come in Russia". E insistono nelle provocazioni e nelle campagne per diffamare il socialismo ed equiparare il comunismo alle bestialità del fascismo e del nazismo, peraltro distrutti proprio dalle forze comuniste. A questo riguardo si distingue l'Unione europea che da anni, dal memorandum anticomunista del 2005 insiste con risoluzioni del Parlamento europeo - tra le quali quella denominata "Coscienza europea e totalitarismo" - sulle quali si sono mossi paesi come Ungheria, Lettonia, Polonia, Lituania, Estonia, Ucraina per imporre misure anticomuniste con persecuzioni, bandi sulle attività dei partiti comunisti, divieto dell'uso dei simboli, azioni penali e condanne.

In quest'area la Nato ha creato 8 eserciti e si rafforza in seguito alle pericolose decisioni del 27° Vertice di Varsavia dello scorso anno, richiedendo un ulteriore incremento della spesa, fino al 2% del Pil, a tutti gli Stati membri. Anche l'UE rafforza la sua militarizzazione, stabilisce l'Esercito Europeo, il Quartier Generale Europeo, Forze d'Emergenza, l'Unione della Difesa Europea e il Fondo Europeo per la difesa.
È la società fatta a misura per i capitalisti, gestita dai loro governi e leader attraverso misure antipopolari che hanno l'unico obiettivo quello di aumentare sempre più i propri profitti e per farlo calpestano qualsiasi diritto dei lavoratori, a partire da quello di sciopero, e non disdegnano di scatenare guerre imperialiste - i cui costi in continuo aumento (come il debito pubblico) sono scaricati sui lavoratori - per il controllo dei mercati, la rapina delle fonti energetiche e persino dell'acqua, delle rotte commerciali, di distruzione e impoverimento, imponenendo la dittatura della minoranza sulla maggioranza della popolazione. Un sistema economico-sociale che non è vincente.
Il movimento operaio deve collegare la sua lotta per la difesa del salario, dell'occupazione, della difesa dei diritti, con la lotta contro il capitalismo, l'imperialismo e i suoi piani di guerra.  Sono lontani i tempi in cui gli operai studiavano i testi classici di Marx, Lenin, Gramsci, eppure è doveroso riappropriarsene perché oggi, sebbene a distanza di 150 anni dalla pubblicazione del "Capitale", l'analisi di Marx che ha scritto per rafforzare la lotta politica della classe operaia e per il socialismo è pienamente attuale. È un'arma per conoscere la teoria del valore, del lavoro salariato, del plusvalore - e quindi dello sfruttamento -, l'organizzazione, il partito comunista e per potersi proiettare nella lotta di classe fino al rovesciamento del capitalismo.
Non si cambiano le condizioni aspettando l'arrivo di nuovi investitori, né facendosi attirare dalle promesse elettoraliste di partiti vecchi o "nuovi", e neppure credendo che nuove leggi elettorali garantiscano la "stabilità" per lo sviluppo. Nessun rinnovamento programmatico è in grado di eliminare le sofferenze della classe lavoratrice e delle masse popolari nell'ambito del capitalismo. Rimangono sempre la barbarie e la distruzione.


30 ottobre 2017 redazione
Rivoluzione d'Ottobre

1917-2017: l'orologio dell'Ermitage

Lo scorso 26 ottobre all'Ermitage di Piter è stato riavviato un orologio, l'unico in tutto il museo che fosse fermo dalle 2,10 del 26 ottobre 1917. La targa a fianco dell'orologio recita che “In questa stanza, nella notte tra il 25 e il 26 ottobre (7-8 novembre) 1917 le guardie rosse, soldati e marinai, preso d'assalto il Palazzo d'Inverno” (l'odierno quinto corpo dell'Ermitage) “arrestarono il governo provvisorio borghese controrivoluzionario”. Le Izvestija commentano che, a ricordo degli avvenimenti rivoluzionari, l'orologio non era stato più riavviato da 100 anni. Il fatto può essere interpretato in due modi: o nel senso del riconoscimento del valore della Rivoluzione d'Ottobre, oppure nel senso che la storia russa, fermatasi 100 anni fa, oggi riparte.
A giudicare dalla risposta del portavoce presidenziale, Dmitrij Peskov, alla domanda di un giornalista sui festeggiamenti previsti per il centenario dell'Ottobre - “E per che cosa si dovrebbe festeggiare?” avrebbe risposto Peskov - pare doversi optare per la seconda variante. Il sito Pravda.ru, nel riportare il fatto, si chiede se si tratti davvero di una festa, e aggiunge le parole di Vladimir Putin: “La rivoluzione è sempre la conseguenza di un deficit di responsabilità” ha detto il presidente russo lo scorso 19 ottobre; oggi, “guardando alle lezioni della rivoluzione russa del 1917, vediamo come siano stati controversi i suoi risultati, come siano strettamente intrecciate le conseguenze negative e positive di quegli avvenimenti. E ci domandiamo: davvero non sarebbe stato possibile uno sviluppo non attraverso la rivoluzione, su una strada evolutiva, non a prezzo della distruzione dello Stato e della spietata eliminazione di milioni di destini umani, ma attraverso un graduale e conseguente movimento in avanti?". E il successivo 30 ottobre, in prossimità della festa dell’Unità nazionale (che dal 2005 si celebra il 4 novembre, mentre il 7 novembre è giorno lavorativo) aveva aggiunto “Conto sul fatto che questa data sarà percepita dalla nostra società come linea di confine con i drammatici eventi che avevano diviso il paese e il popolo, che essa diverrà il simbolo del superamento di quella divisione, il simbolo del reciproco perdono e dell’accettazione della storia russa, quale essa è: con le sue grandiose vittorie e le sue pagine tragiche”.
E se un'indagine demoscopica condotta a inizio ottobre dall'ufficiale VTsIOM certifica che il 45% dei russi ritiene che la Rivoluzione d'Ottobre esprimesse la volontà della maggioranza del popolo; il 46% giudica che si sia fatta nell'interesse della parte maggiore della società e il 38% pensa che abbia dato impulso allo sviluppo sociale ed economico del paese, ecco che l'ineffabile Pravda.ru rassicura quel 43% di russi secondo i quali l'Ottobre avrebbe espresso gli interessi solo di una minoranza, dando voce ad un astrologo tranquillizzante: nel 2017 non ci sarà nessuna rivoluzione. Il timore, secondo lo scrutatore stellare, potrebbe sorgere in qualcuno, ricordando che la prima guerra mondiale scoppiò poco dopo il centenario dell'invasione napoleonica del 1812; per fortuna della maggioranza del popolo, dice lui, la ripetizione del 1917 non si avvererà. In base a quel parallelo, diciamo noi, ci sarebbero ancora un paio d'anni di tempo.
Ma intanto, scendendo dalle stelle sulla terra, i russi hanno a che fare con il progetto di bilancio 2018-2020. In una situazione in cui, secondo le cifre ufficiali, solo nell'ultimo trimestre si è avuta una crescita economica del 2%, con i prezzi dei prodotti energetici (fonte principale delle entrate) in risalita, i comunisti rompono le uova notando che almeno il 10% dei russi non ha salario o pensione sufficienti ad alimentarsi, il 30% non può comprarsi un abito nuovo e negli ultimi due anni la cosiddetta classe media si sarebbe ridotta di 14 milioni. Si stanziano 800 miliardi di rubli per risanare due banche, afferma il PCFR, “ma non si trovano 140 miliardi per i pensionati; la Germania dichiara di aver speso 27,6 miliardi di dollari per i nostri idrocarburi, ma i bollettini russi parlano di 9,6 miliardi. Dove sono finiti gli altri 18?”.
Diminuiscono del 16% le voci di spesa sociale, protestano i comunisti, di 1/3 quelle per la cultura e del 60% quelle per lo sport.
Addirittura nel 1940, ricordano, allorché tutta l'industria era già orientata alla difesa, le spese sociali costituivano il 24% del bilancio e quelle per l'istruzione il 13%; nel 1942, con i tedeschi a Stalingrado, questa voce era del 6%: due volte più di oggi e già nel 1945 risalì al 17%. Fonti governative parlano di 22 milioni di poveri; metà del paese vive con meno di 15mila rubli al mese e pensioni di 8-9mila rubli. Si calcola che ci siano 4 miliardi di rubli di salari non pagati. Quelle che prima erano agevolazioni per gli invalidi, dal 2004 sono monetizzate, per una cifra di circa 800 rubli al mese (quanto l'assegno di disoccupazione), quando una sola prescrizione costa almeno 1.200 rubli. Nel 2011 Putin aveva parlato della necessità di creare 25 milioni di posti di lavoro altamente qualificati e di aumentare del 50% la produttività del lavoro; ma nulla di ciò sembra esser stato fatto. Si parla di un raccolto di 132 milioni di tonnellate di grano, “ma il pane non è diminuito di una kopejka: significa che si arricchiscono gli speculatori?”, chiede il PCFR.
Già da tempo la vice premier Olga Golodets parla di 5 milioni (altre fonti parlano di oltre 20 milioni) di lavoratori oltre la soglia di povertà (il salario minimo legale è stato portato nel luglio scorso da 7.500 a 7.800 rubli) con stipendi inferiori al minimo ufficiale di sopravvivenza di 10.678 rubli. Statistiche ufficiose parlano di circa 28 milioni di lavoratori – su una forza lavoro di 87 milioni - in una condizione di “disoccupazione mascherata”, occupati 2-3 giorni la settimana o messi in ferie a tempo indeterminato con paga minima. Secondo il Rosstat, il salario medio ufficiale per tutto il paese è di 36.746 rubli, ma il 10,4% dei lavoratori percepisce meno di 10.600 rubli e il 55% prende cifre tra i 10.600 e i 35.000 rubli. La Russia occupa oggi il 4° posto mondiale per economia sommersa (39% del PIL) dietro a Ucraina, Nigeria e Azerbaidžan.
In compenso, un paio di centinaia di oligarchi detengono un patrimonio di 500 miliardi di dollari: più del doppio delle voci d'entrata del bilancio federale; ma la maggioranza della Duma rifiuta di adottare una tassazione progressiva. Oggi in Russia esistono cinque diversi coefficienti di tassazione (dal 9 al 35%, su stipendi, dividendi, obbligazioni, vincite, ecc.), ma quella fondamentale è uguale per tutti, al 13%. A difesa dei miliardari russi, scrive RotFront.su, la maggioranza alla Duma, costituita dal partito presidenziale “Russia Unita”, ha sabotato il voto sui progetti presentati da vari partiti per una tassazione progressiva; compreso il progetto, nota ironicamente Rot Front, presentato dal PCFR, per il mantenimento dell'attuale 13% sui redditi mensili fino a 400.000 rubli, “equiparando così chi campa col minimo di sopravvivenza a chi “guadagna” quasi 5 milioni l'anno”. Non è stupito del voto, il direttore del Centro-studi sulla società post-industriale, Vladislav Inozemtsev, dato che “la flat tax è stata la più importante trovata di Putin sin dal suo primo mandato e nessuno la eliminerà finché Putin vive".
Un bel “graduale e conseguente movimento in avanti", quindi, quello di oggi! Basta dimenticarsi della giornata lavorativa di 8 ore (primo paese al mondo) introdotta dieci giorni dopo la presa del Palazzo d'Inverno, del diritto alle ferie annuali pagate (primo paese nella storia), del divieto di licenziamento dei lavoratori da parte dei direttori d’azienda, senza il consenso di sindacati e partito; del diritto all’istruzione gratuita media e superiore (primi al mondo), del diritto all’assistenza sanitaria gratuita (primi al mondo), del diritto all’alloggio gratuito (primi al mondo) e così via. Basta scordarsi che quando, a partire dal 1929, i paesi capitalisti furono sconvolti dalla prima vera crisi economica su scala mondiale, con più di trenta milioni di disoccupati, nel 1931 l'URSS eliminava completamente la disoccupazione e introduceva, con salari crescenti, la giornata lavorativa di 7 ore per il 33% dei lavoratori industriali e la settimana di 5 giorni per il 63%. Basta ignorare la crescita del 15% del reddito nazionale nel triennio 1928/'30, quando la media dei maggiori paesi capitalisti (USA, Gran Bretagna, Germania) si aggirava tra il 3 e l'8%; ignorare che la produzione industriale, se in quei paesi nel 1940 si manteneva stabile rispetto al 1928, in URSS la superava di circa sei volte. Basta tacere sul fatto che, ad esempio nel 1922, l'1% di miliardari americani deteneva il 59% del reddito nazionale e il 2% di quelli britannici, il 64%, mentre in URSS nel 1929 appena l'1,8% del reddito nazionale andava a ciò che restava di capitalisti industriali e agricoli.
Se dunque Pravda.ru si ingegna a scrivere che “Stalin sostenne la distruzione di Dio nelle anime delle persone. Migliaia di sacerdoti furono perseguitati, le chiese distrutte. I comunisti riscrissero malignamente i comandamenti biblici a modo loro, redigendo il "Codice morale del costruttore del comunismo" ed escludendone la menzione di Dio. Tale perfidia costò cara alla Russia - circa 70 milioni di vite in 70 anni di potere sovietico”, ricordiamo che oggi la Russia è al primo posto in Europa per minore attesa di vita maschile - il 43% degli uomini russi non raggiunge i 65 anni – seguita da Ucraina, Bielorussia, Moldavia e Lituania. Nel 2016, secondo il World FactBook della CIA, la Russia occupava il 153° posto mondiale per aspettativa generale di vita (70,8 anni); anche se il Ministro per la salute Veronika Skvortsova ha dichiarato che nella prima metà del 2017 la media ha raggiunto i 72,5 anni.
Un anno fa l'economista Mikhail Deljagin scriveva che “con l'Olocausto furono uccise 6 milioni di persone; il prezzo in termini demografici delle riforme liberali nel nostro paese, solo negli anni '90, è stato di 12 milioni di persone”. Il demografo Vladimir Timakov affermava che, “giunta a età riproduttiva la scarsa generazione degli anni '90, intorno al 2050 la popolazione russa sarà ridotta a circa 120 milioni, rispetto ai 146 attuali”: effetto delle riforme liberali eltsiniane, che fecero registrare anche una mortalità record, negli anni '90 e 2000, superiore di circa 7 milioni alla media degli anni '80, a causa della catastrofica situazione economica e socio-assistenziale: “nel 1992-1994 morirono 5.000 bambini solo di difterite, una malattia prima scomparsa. Nel complesso” diceva Timakov, “negli anni eltsiniani le perdite sono state di 12 milioni di nati in meno e 7 milioni di morti in più. Paragonate alle litanie liberali sui “costi umani” del periodo sovietico, le “conquiste democratiche” eltsiniane fanno impallidire: secondo la storiografia ufficiale, sarebbero stati 8 milioni i morti della guerra civile, soprattutto per malnutrizione e malattie, cui si aggiungono da 2 a 6 milioni per la carestia del 1921 e da 8 a 14 milioni per la carestia di inizio anni '30. A cifre tonde, circa 28 milioni di persone, considerate tutte le repubbliche dell'Urss; negli anni '90, si sono avuti quasi 20 milioni, tra morti e non nati, nella sola “democratica” Russia”.
Se infine ci chiediamo, con Vladimir Putin, se “non sarebbe stato possibile uno sviluppo non attraverso la rivoluzione”, ma “attraverso un graduale e conseguente movimento in avanti", guardiamo semplicemente allo “sviluppo” degli anni '90 e diamoci la risposta: l'orologio dell'Ermitage non si era fermato 100 anni fa.